Con la bella stagione alle porte, arrivano le giornate più lunghe le temperature si alzano, cresce la voglia di stare all’aperto ma, purtroppo, occorre mettere in conto anche le fastidiose zanzare che arrivano puntuali a rovinare la festa a tutti.

Purtroppo, anche quest’anno le zanzare saranno una fastidiosa compagnia che ci tocca portarci fino ad autunno inoltrato. Pare proprio che questi fastidiosi insetti abbiano sviluppato una maggiore resistenza ai climi temperati, resistente da temperature che arrivano anche a 10° C.

L’armamentario necessario per tenerla a distanza comprende una serie di prodotti più o meno efficienti a partire da spray, candele, zampironi, fornelli elettrici, lampade UV elettrificate e, naturalmente, le zanzariere a Roma. Sono indispensabili per limitare al minimo le punture che provocano bruciore, prurito e rossore anche per qualche giorno.

Perché alcune persone sono una calamita per gli insetti

Pare proprio che alcune persone siano maggiormente colpite di altre e, in loro presenza si possa quasi stare tranquilli perché fanno come da calamita per le zanzare.

Quello che comunemente tutti hanno avuto modo di osservare, è stato oggetto di analisi e test scientifici che, una volta conclusi, hanno affermato che è infetti è proprio così. La ragione di tutto ciò è il diverso odore che le persone emanano.

Le zanzare seguono gli odori

Le zanzare sono piccoli insetti volanti ematofagi cieche e non ci vedono, o almeno non hanno un senso della vista come lo intendiamo comunemente noi. È proprio con l’odore che le zanzare si orientano e non alla ricerca di prede succulente che sappiano saziare. Ogni persona emette un odore specifico dato non solo dal DNA ma anche dalle abitudini, comportamenti, stili di vita, alimenti assunti e così via.

Per orientarsi e trovare il nutrimento che serve loro, le zanzare usano l’olfatto che può essere attirato da alcuni odori specifici come quello dell’alcool, dello zucchero, di alcuni fiori e frutta in particolare.

Per esempio, mangiare banane non è consigliato, mentre consumare acidi di uva è ritenuto più sicuro: parola della scienza… delle zanzare! Per quanto riguarda le abitudini, il fumo non piace alle zanzare mentre le bevande alcoliche sì.

Di Grey