Quando si parla di condizionatori d’aria, è bene sapere che non sono tutti uguali come invece alcuni tendono a credere. Ci sono diverse modalità tra cui scegliere per ottenere il migliore dei risultati.

Monosplit: il modello di condizionatore più usato

Il modello più diffuso di condizionatore che ci sia, è il classico mono split. Si tratta di un condizionatore costituito dal corpo centrale che diffonde l’aria per abbassare la temperatura interna di casa.

Una volta che hai individuato il modello migliore che risponde alle tue esigenze, ricorda di sottoporre periodicamente a un servizio di manutenzione che mantiene la sua funzionalità intatta nel corso del tempo, riducendo anche i consumi energetici. Per info e / o prenotazioni, vai su www.assistenzahaiercondizionatorimilano.it

È un condizionatore particolarmente indicato in abitazioni che si caratterizzano per una pianta aperta cioè con poche divisioni dove l’aria è libera di circolare liberamente. Si tratta di un modello meno costoso rispetto ad altri e di facile installazione.

Multisplit: con più punti che diffondono l’aria

Sebbene il monosplit sia il più usato in assoluto, non è detto che sia sempre la risposta più adeguata. Infatti, in tante situazioni ci vorrebbe il multisplit. Si tratta di un condizionatore d’aria normale che però presenta più di un’uscita per diffondere l’aria rinfrescata dal sistema.

In pratica, oltre ad avere il classico corpo centrale, il sistema prevede più punti sparsi per la casa che assicurano una temperatura più omogenea. Diventa quindi il modello migliore in tutte quelle abitazioni che si caratterizzano per una metratura molto ampia e diverse pareti divisorie altrimenti l’aria non potrebbe circolare liberamente. Bisogna infatti ricordare che l’aria fredda è piuttosto pesante e difficile da diffondere in maniera omogenea perciò in situazioni come queste o addirittura in una casa a due piani, bisogna prevedere più punti di ingresso per l’aria altrimenti ci saranno ancora delle zone della casa dove si boccheggia per colpa dell’afa.

Naturalmente, questa tipologia di climatizzatore d’aria è più costosa rispetto alla precedente e richiede un installazione più lunga ma il risultato finale rimane sicuramente la pena.

Di Grey